Assicurazione Auto: Riforma del Bonus Malus in Arrivo

Categorie: Assicurazione Auto | 23/06/2011

bonus malus 150x150 Assicurazione Auto: Riforma del Bonus Malus in ArrivoAnche l’Isvap ha dato comunicazione di ulteriori aumenti nel settore assicurativo auto, aumenti che per il 2011 si attesteranno intorno al 6%.
Per cercare di mettere un freno, quindi, si è pensato di avviare una riforma del sistema bonus malus che, al momento, sottintende alla determinazione delle tariffe.
Il nuovo sistema dovrebbe estendersi a tutto il mercato assicurativo, uniformandolo e facendo sì che aumenti anche la competitività tra le compagnie assicurative.

La riforma del sistema bonus malus dovrebbe avvenire seguendo il modello francese. Il bonus malus all’italiana, infatti, non sembra più essere capace di garantire delle tariffazioni eque, soprattutto nei confronti di quegli assicurati virtuosi che non hanno commesso incidenti per lungo tempo.


La riforma rc auto dovrebbe essere inclusa nel disegno di legge Antifrode che, lungi dall’essere una soluzione definitiva, dovrebbe almeno aiutare a iniziare la strada giusta del rinnovamento e della diminuzione delle tariffe.
Solo per fare un esempio, in Francia il costo delle tariffe delle polizze rc auto è mediamente di 600 euro in meno che nel nostro Paese. Dopo 13 anni senza aver commesso incidenti, infatti, si arriva a pagare la metà del premio, mentre chi è stato responsabile di molti sinistri può perfino triplicare la tariffa di partenza.

 

email

2 Commenti per questo Articolo Fammi sapere cosa ne pensi!

  1. roberto michelotti Scrive:

    SONO UN ASSICURATO CON POLIZZA RCA SARA, NON HO AVUTI INCIDENTI DAL 1999 E NON MI è POSSIBILE AVERE SCONTI SUL BONUS(POLIZZA BONUS/Malus), ma continui aumenti come l’ultimo di 60 EURO ANNUALI, COSA POSSO FARE, PENSO BEN POCO, L’UNICA è DI RIVEDERE GLI SCONTI DEL BONUS, PER LEGGE, PER CHI COME ME NON HA AVUTO INCIDENTI, SE POSSO RIVOLGERMI ALL’ASSOCIAZIONE DEI CONSUMATORI O ALTRO CHE POSSO FARE METTETIMI ACONOSCENZA. ROBERTO MICHELOTTI

  2. Francesco Scrive:

    Applicherei il sistema alla francese tenendo presente il codice fiscale o la patente dell’assicurato piuttosto che l’autovettura. I vantaggi sarebbero innumerevoli, addio truffe e passaggi di proprietà fittizi e campagne premiali agli onesti ed i virtuosi così come risultano dalle banche dati sinistri.

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!