Assicurazioni e Previdenza Integrativa

Categorie: Assicurazione Vita | 02/09/2011

Previdenza Integrativa 150x150 Assicurazioni e Previdenza IntegrativaLa previdenza complementare ha iniziato ad assumere, negli ultimi dieci anni, un’importanza sempre maggiore, soprattutto a causa della confusa situazione in merito. Ad ogni manovra economica, in effetti, sembra che si dovranno andare a toccare le pensioni accumulate in anni di contributi, lasciando poche speranze sull’importo che si potrà ottenere tra 20 o 30 anni.

È chiaro che, in questo modo, mantenere lo stesso stile di vita di un tempo appare sempre più complesso e, per questo motivo, diventa utile pensare a delle forme alternative e complementari per incrementare la somma percepita come pensione al termine della propria attività lavorativa.
In genere, la pensione integrativa funziona grazie a dei piani di accumulo e a altre formule assicurative ad hoc. Sottoscrivere queste polizze assicurative serve a garantirsi una rendita o un capitale aggiuntivi mese dopo mese.

La pensione integrativa funziona grazie ad un versamento periodico effettuato durante gli anni di lavoro, in modo da creare una sorta di servizio contributivo parallelo e aggiuntivo, quasi una vera e propria seconda pensione che servirà a rimpolpare quella di base, facilmente troppo esigua per rispondere in pieno a tutti i propri bisogni.
Le modalità per ottenere un capitale o una rendita integrativa sono, comunque, molteplici.

In alcuni casi, non vi sono rischi particolari da dover correre nel versare i propri risparmi, affidandosi ad un rendimento minimo garantito.
Altri prodotti, invece, sono in grado di dare un rendimento più elevato ma non garantito e, di conseguenza, presentano un grado di rischio più alto e meno controllabile.
Il principale strumento da poter utilizzare in queste circostanze è dato dai fondi pensione. In questo modo, gli iscritti ad un fondo avranno accesso ad una rendita a vita, grazie agli investimenti di lungo periodo che i gestori del fondo potranno effettuare.

I fondi pensione possono essere aperti o chiusi e possono essere riferiti ad una categoria specifica o essere per tutti.
Sottoscrivere un fondo pensione è utile anche per ottenere, comunque, dei vantaggi immediati legati alla deducibilità dei contributi versati; deducibilità quantificata nel 12% del proprio reddito, e per un tetto massimo indicato dal decreto legislativo 47/2000.

interessante è notare che la deducibilità la può ottenere anche chi ha solo redditi provenienti da capitali o da immobili, mentre sui ricavi che si ottengono dal fondo pensione stesso si avrà lo stesso regime fiscale che è previsto per un altro strumento finanziario e assicurativo, i fondi di investimento.

email

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!