Assicurazioni RC per Traslochi

Categorie: Assicurazione Casa | 05/12/2010


trasloco 150x150 Assicurazioni RC per Traslochi   Organizzare un trasloco non è un’impresa semplice. Vi sono molte fasi da seguire per una pianificazione corretta per stressarsi il meno possibile e terminare in tempi rapidi tutte le attività collegate ad un trasferimento.

Tra queste, ovviamente, la principale è la scelta della ditta o del privato che si occuperà di trasportare mobili e arredi.

In genere, un privato costa meno di un’impresa ma è anche vero che affidandosi a dei professionisti si potrà usufruire di un maggior numero di servizi e di vantaggi. In modo particolare, ad esempio, sarà possibile sottoscrivere un’assicurazione rc specifica che copra eventuali danni agli oggetti o a terze parti.

Entrando nello specifico, diciamo che esiste una polizza di assicurazione definita “vettoriale” che copre principalmente la ditta traslochi, così come previsto dalla legge n. 450/1985: è obbligatoria per i professionisti, non costa molto, ma non ha un grosso impatto dal punto di vista del cliente.

Vi è poi la polizza d’assicurazione rischi per conto terzi: altre definizioni usate per identificare questo prodotto sono “polizza all risks” e “polizza casco”. Normalmente, si prevedono in questo caso delle franchigie, il che significa che, al di sotto di una certa cifra, la compagnia d’assicurazioni non copre i danni causati. Se si tratta di un privato o di un trasportatore che solo saltuariamente ha tra le proprie attività quelle legate ai traslochi, non avrà alcuna convenienza a stipulare una di queste assicurazioni con copertura annuale o pluriennale. Molto meglio chiudere un accordo ogni qual volta si effettuerà un trasloco, previa comunicazione alla società assicurativa, alla quale vanno dettagliati la data e la tipologia di trasporto.

Nel caso in cui, invece, il trasportatore effettui traslochi come principale attività, sarà d’obbligo la scelta di formule differenti, che possano garantire maggiore versatilità e flessibilità, ed essere dei prodotti “business” a tutti gli effetti. Si parla, ad esempio, di assicurazioni stipulate sulle targhe. In questo modo, il premio viene stabilito in base al furgone o all’autocarro oggetto del carico e tutti gli oggetti su di essi sono coperti da tale formula assicurativa.



Potrebbe anche darsi che si abbia la necessità di tutelarsi dal trasporto di arredi di particolare valore: in questo caso, il consiglio è quello di stipulare una copertura ad hoc per ogni singolo arredo, insieme ad un’analisi accurata dei rischi eventuali e del valore di ciascuno di essi.

Con la classica polizza di responsabilità civile, invece, ci si tutela da danni che potrebbero verificarsi nei confronti di terze parti. Ad esempio, se si dovesse rompere il portone condominiale mentre si trasportano dei mobili, oppure dovesse cadere un oggetto addosso ad un passante.

Non dimentichiamoci, inoltre, che vi sono anche delle assicurazioni specifiche che riguardano i traslochi internazionali. In questo caso, i disguidi, i contrattempi e i danni sono davvero molto comuni, soprattutto se si sceglie di caricare il proprio mobilio in container che viaggiano insieme ad altre merci di sicuro non altrettanto delicate. Purtroppo, però, le polizze per i trasporti internazionali sono molto care e raramente risulta conveniente spedire con queste modalità gli arredi e i mobili posseduti.

email

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!