Attestazione di Capacità Finanziaria per Autotrasportatori, come reagiscono le Assicurazioni

Categorie: News, Polizze Assicurative | 07/06/2012

assicurazioni autotrasportatori 150x150 Attestazione di Capacità Finanziaria per Autotrasportatori, come reagiscono le AssicurazioniSe si lavora come autotrasportatore potrà essere già capitato di aver ricevuto la richiesta di un’attestazione di capacità finanziaria rilasciata da parte della propria compagnia di assicurazioni.
Di solito, gli agenti che inoltrano tale richiesta alla società per la quale lavorano si vedono facilmente rispondere con un rifiuto, non potendo produrre l’importante documento che serve agli autotrasportatori per ottemperare, a propria volta, alle regole stabilite per l’iscrizione regolare all’albo relativo.

Un problema burocratico in senso stretto che, come spesso accade, provoca stress e difficoltà al lavoratore, reo soltanto di voler effettuare ogni cosa in regola.

Ecco perché assume particolare importanza essere a conoscenza dei propri diritti e dei propri doveri nello svolgimento dell’attività lavorativa di autotrasportatore per conto terzi.
L’iscrizione all’albo nazionale, ad esempio, è indispensabile e deve essere presentata presso gli uffici provinciali in cui la persona o la ditta risiedono per i propri affari.
Per poter procedere con l’iscrizione bisogna possedere tre requisiti: l’idoneità professionale, la capacità finanziaria e la cosiddetta onorabilità con la quale si intende l’assenza di eventuali sentenze penali o similari.

E veniamo all’attestazione di capacità finanziaria nello specifico.
Per ottenerla bisogna dimostrare di avere una disponibilità di 9 mila per il primo veicolo posseduto e di 5 mila euro per ciascun veicolo aggiuntivo.

La prova può essere ottenuta o attraverso un’attestazione rilasciata da parte della banca o attraverso una garanzia fideiussoria.
Probabilmente rivolgersi ad un istituto di credito allunga i tempi molto di più che rivolgersi ad una compagnia di assicurazioni, ma i procedimenti restano macchinosi e difficili da controllare in entrambi i casi.

Per questo motivo, potrebbe essere un buon consiglio quello di rivolgersi ad una società finanziaria, che garantisce tempi più rapidi e costi in linea con quelli di mercato, intorno ai 300 euro per il primo veicolo e ai 100 euro per ogni mezzo aggiuntivo.

email

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!