Auto e Atti Vandalici, ecco l’ Inchiesta Direct Line

Categorie: Assicurazione Auto, News | 11/04/2013

directline assicurazione1 150x150 Auto e Atti Vandalici, ecco l Inchiesta Direct Line Un’inchiesta condotta dal Centro Studi e Documentazione di Direct Line ha mostrato come il danneggiamento volontario della vettura di qualcuno non sia solo un comportamento di alcuni italiani ma sia comune anche nel Regno Unito.
Ciò che emerge dai dati raccolti, inoltre, è che il danno non viene perpetrato da parte di sconosciuti ma, nella maggior parte dei casi, da una persona nota al proprietario del veicolo e spinta da invidia o vendetta o gelosia.
Approfondendo le statistiche che riguardano l’Italia, si è potuto comprendere meglio il dettaglio di queste azioni intervistando gli stessi automobilisti.

È emerso, quindi, che un italiano su 7 ha confessato di aver apportato danni ad un veicolo. Il 7% ha rigato la carrozzeria, un classico; mentre il 3% ha preferito rompere lo specchietto retrovisore oppure rompere il tergicristalli (2%).
Solo l’1%, per fortuna, prende di mira i vetri o i pneumatici dell’auto, decisamente più costosi da sostituire.
Per quanto riguarda la Gran Bretagna, il 45% dei vandali confessa di aver rigato le portiere, il 27% di aver rotto lo specchietto, il 25% il parabrezza e il 14% l’antenna.

Con 8 milioni di vittime sembra davvero difficile non pensare ad un fenomeno che di casuale avrebbe ben poco. Il vicino di casa o l’ex partner, in effetti, potrebbero essere proprio i colpevoli dei danni alla propria auto, molto più di quanto non accada con perfetti sconosciuti privi di “movente”.
Il 64% degli intervistati ha ammesso di conoscere il proprietario del veicolo e di averlo bersagliato proprio per questo motivo. Se poi si tratta dell’ex partner, allora è il 14% ad ammettere di aver compiuto atti vandalici all’auto per vendetta o gelosia.
Al secondo posto, ad essere preso di mira è il capo, al terzo il vicino di casa, al quinto il nuovo partner del proprio ex. Addirittura, figurano in questa lista anche un rivale sportivo o il genitore di un compagno di scuola del proprio figlio.

Alla luce di questi dati, quindi, potrebbe rivelarsi particolarmente interessante aggiungere alla classica rc auto anche la garanzia contro gli atti di vandalici, in modo da non doversi preoccupare eccessivamente delle spese per la riparazione dell’auto.

email

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!