Colpo di Frusta, le Posizioni della FNOMCeO

Categorie: News | 02/08/2012

colpo frusta 150x150 Colpo di Frusta, le Posizioni della FNOMCeOCon la legge 27/2012 sono state introdotte delle novità per quanto riguarda il risarcimento per le lesioni lievi. Una serie di cambiamenti destinati ad impattare soprattutto il mondo delle rc auto, probabilmente non migliorando, però, la condizione degli assicurati, meno tutelati in nome di una maggiore trasparenza nelle procedure di richiesta di rimborso avanzate alle compagnie.

Ecco, quindi, che si erano subito accesi dibattiti in merito, coinvolgendo associazioni dei consumatori, Ania e, da ultimo, anche la FNOMCeo, la Federazione Nazionale Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri.

Addirittura, recentemente, si è potuto assistere ad una vera e propria presa di posizione da parte del Presidente della Federazione Nazionale, il Dr. Amedeo Bianco.
Si tratta, in effetti, di una risposta ad un quesito sollevato da parte del Dr. Raffaele Zinno, il Presidente della SIMSLA, il Sindacato Italiano Specialisti in Medicina Legale e delle Assicurazioni.

Proprio il presidente SIMSLA ha richiesto, infatti, che i medici legali mantenessero un atteggiamento professionale e deontologicamente corretto, senza cedere a pressioni, effettivamente indebite, da parte delle compagnie assicurative.
Queste ultime avevano inteso la norma in senso altamente restrittivo, chiedendo quindi che i medici escludessero del tutto la presenza di disturbi, successivamente ad un sinistro, se non vi fosse un riscontro per via strumentale, ad esempio con radiografie.
Anche il Dr. Bianco ha appoggiato il collega, denunciando il fatto in linea generale, senza alcun dettaglio sulle compagnie di assicurazione che abbiano effettivamente cercato di influenzare il comportamento dei medici.

Purtroppo si tratta di una questione spinosa, difficile da risolvere e che, certamente, non potrà essere diramata da una semplice circolare o da un articolo di legge, occorrendo un vero e proprio cambio di mentalità anche da parte degli assicurati.

email

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!