Danni Rc Auto, Novità per i Congiunti della Vittima in caso di Incidente

Categorie: Assicurazione Auto, News | 23/10/2012

rca 150x150 Danni Rc Auto, Novità per i Congiunti della Vittima in caso di IncidenteLa Cassazione si è pronunciata in merito al caso in cui, in un incidente stradale, sia lecito o meno calcolare il risarcimento danni della vittima tenendo conto anche dei suoi congiunti.
I danni, dunque, non devono essere risarciti entro il massimale previsto per ciascuna persona ma devono essere calcolati in modo distinto, all'interno di quello che viene considerato il massimale catastrofale.
La sentenza che afferma ciò è la 16520/2012 emessa dalla terza sezione civile della Suprema Corte.

La questione è stata posta in seguito al decesso di un uomo dovuto allo scontro tra un'automobile e un mezzo pesante. La responsabilità del sinistro fu riconosciuta in parti uguali ad entrambi gli automobilisti. Tuttavia, la compagnia assicurativa decise di presentare un ricorso in Cassazione obiettando il fatto che il collegio giudicante avrebbe deciso per un risarcimento tenendo conto non del massimale personale quanto del massimale catastrofale.

La Corte, tuttavia, non ha concordato con tale ricorso e ha bocciato tale richiesta. Infatti, per quanto riguarda l'assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile, per persona danneggiata non si può intendere esclusivamente la vittima diretta dell'incidente, ma anche i suoi diretti congiunti. Proprio in base a tale principio rimane corretto che la liquidazione del danno avvenga non nell'ambito del massimale previsto per il singolo quanto secondo quello che è il massimale complessivo per ogni sinistro.

D'altra parte, anche con il semplice buonsenso, appare chiaro che non soltanto la vittima di un incidente deve fare i conti con le difficoltà derivanti da un serio incidente ma anche i suoi parenti più prossimi, senza contare la destabilizzazione familiare ed economica che segue ad un decesso.

jfdghjhthit45
email

Comments are closed.