Dormire in Auto per Evitare Colpi di Sonno: Direct Line Intervista gli Automobilisti Italiani

Categorie: Assicurazione Auto, News | 01/05/2013

direct line Dormire in Auto per Evitare Colpi di Sonno: Direct Line Intervista gli Automobilisti ItalianiBadare alla sicurezza, quando si è al volante, non è mai superfluo: ecco perché Direct Line ha effettuato un interessante sondaggio chiedendo ai guidatori italiani se si sono ritrovati a dormire in macchina almeno una volta nella vita.
Ebbene, forse con un pizzico di sorpresa, ben il 50% dichiara di essersi appisolato nella propria vettura per riprendersi da un principio di colpo di sonno e dall’eccessiva stanchezza.
D’altra parte, evitare di essere preda di un colpo di sonno è importante per la sicurezza per cui è preferibile riposarsi anche solo per mezz’ora piuttosto che rischiare la vita in un incidente.
Addirittura c’è chi ha sempre una coperta nel bagagliaio in caso di emergenza.

Per il 15% del campione, comunque, dormire in auto rappresenta un ricordo di gioventù mentre per l’8% degli intervistati non è l’età che conta, visto che la sosta notturna continua ad essere un must, specie se non si è da soli, probabilmente più per evitare brutti incontri che per una romantica pausa.
Tuttavia, l’altro 50% degli intervistati ha dichiarato di non aver mai provato un’esperienza simile e nel 29% dei casi dichiara di non aver alcuna intenzione di farlo, con punte che arrivano al 38% tra le donne. Per l’8% del campione si tratta di un motivo legato alla scomodità del veicolo mentre il 13% ammette che potrebbe capitare ma soltano in una situazione di emergenza.

Interessante capire, quindi, quali sono i trucchi usati di solito per aumentare il comfort nell’abitacolo? Il 46% reclina completamente il sediolino anteriore e solo l’8% sceglie di spostarsi su quello posteriore, probabilmente anche perché ci si percepisce in una posizione maggiormente vulnerabile. Il 43% preferisce fermarsi un’area di servizio, dato che il ciglio della strada viene percepito come altamente insicuro.
Tra i pericoli più temuti vi sono i furti e la violenza, soprattutto se al volante si trova una donna. Solo il 6% si preoccupa dei rumori di fondo della strada che non permetterebbero di avere un riposo costante.

A dormire più spesso in auto, secondo l’indagine Direct Line, sono in special modo torinesi e bresciani; i più organizzati sono i veronesi e i cagliaritani. A chiamare subito la polizia in caso di difficoltà ci pensano in special modo i veronesi mentre i milanesi preferiscono rivolgersi alla propria compagnia di assicurazione.

Un fatto è certo: non importa quale sia il motivo che ci spinge alla pennichella in auto, quello che conta è non rinunciare mai alla prudenza e farsi sempre guidare dal buon senso. Pochi minuti di pausa, un buon caffè e un po’ di aria fresca talvolta sono sufficiente a rimettersi in marcia senza timore di un colpo di sonno, così pericoloso per sé e per gli altri.

email

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!