Economia: Ecco la Disciplina Attuale degli Esodati

Categorie: Leggi e Fisco | 13/08/2012

La situazione degli esodati è certamente uno degli argomenti più scottanti di questo periodo, visto che non è ancora certo il loro destino fino in fondo, attualmente è stata creata una disciplina che dovrebbe sistemare almeno in parte la loro situazione ma a quanto pare non sarà certamente definitiva.

esodati gad Economia: Ecco la Disciplina Attuale degli Esodati

Ci sono ben 65 mila persone che si trovano in questa situazione e non sanno come andrà a finire il loro futuro, oltre a quello che è stato descritto nell’ultimo decreto interministeriale; per chi è in possesso dell’indennità della mobilità ordinaria, per gli accordi stipulati nello scorso anno.

Entro il 24 luglio è stato fatto l’intero controllo sui requisiti maturati per la pensione dagli esodati, i periodi però in cui è stata sospesa non devono essere calcolati per la pensione; hanno concesso un ulteriore finestre di 3 mesi nel 2013 per consentire ad un maggior numero di persone di andare in pensione.

Gli esodati saranno oggetto di vari tipi di interventi anche per la loro salvaguardia, o almeno così dovrebbe essere, mentre invece i soggetti cessati dal 1° gennaio 2012 non sono inclusi in questo tipo di provvedimento; l’allentamento della disciplina vale anche per tutti quei lavoratori con prestazioni a carico dei fondi di solidarietà.

Per chi è riuscito a maturare tutti i requisiti per il pensionamento, sono a carico dei Fondi fino ai 62 anni di età, anche se erano stati maturati i requisiti in data anteriore ad essa; per chi compie invece 62 anni oltre il periodo limite, l’istituto si è preservato la possibilità di dare comunicazione o comunque di prendere provvedimenti in un futuro prossimo.

Chi invece era già titolare di assegno straordinario, con l’adeguamento dei requisiti pensionistici, il Fondo dovrebbe assicurare la normale erogazione dell’assegno straordinario; solamente alcuni invece vengono autorizzati alla prosecuzione volontaria.

I lavoratori in salvaguardia sono invece tutti quelli che raggiungono i requisiti pensionistici solamente con il metodo contributivo, la finestra di dodici mesi verrà allungata ulteriormente di due mesi nel 2013 e tre mesi nel 2014; questo provvedimento però include solamente pochissimi lavoratori rispetto al reale numero di esodati.

Infatti tutti gli altri dovrebbero essere aiutati dalla spending review, sarà davvero così?

email

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!