Economia Italiana: Cos’è il Decreto Mille Proroghe?

Categorie: Leggi e Fisco | 12/09/2012

Si è sentito molto parlare in questi ultimi mesi del decreto mille proroghe ma in sostanza in cosa consiste e quali ambiti coinvolge? Si tratta certamente di un provvedimento estremamente completo ed è diventato definitivo già dal 2009 anche se la maggior parte di noi non sa cosa questo comporta.

decreto milleproroghe 2011 Economia Italiana: Cosè il Decreto Mille Proroghe?

La prima cosa ad essere cambiata nuovamente è la data ultima per presentare la propria dichiarazione dei redditi che inizialmente era stata spostata a luglio è tornata ad essere entro e non oltre il 30 settembre; è stata invece rinviata l’entrata in vigore della class action che è in pratica un’azione collettiva di risarcimento per i consumatori.

Prima della riforma Monti sulle pensioni era vigente il sistema secondo cui, si maturano le prestazioni previdenziali e assistenziali nell’anno solare precedente al primo luglio, per avere la corresponsione nel giugno dell’anno successivo; il reddito di conseguenza non era più determinato in via presunta.

Doveva esserci la stabilizzazione dei precari ma a quanto pare non è stato fatto alcun passo avanti nonostante fosse stato approvato grazie a questo decreto un provvedimento sulla normalizzazione della loro situazione.

Queste erano le norme alla base del decreto mille proroghe del 2009 ma che poi è stato interamente rivisto nel 2012: ovviamente nemmeno a dirlo la prima cosa che è stata messa in atto è l’aumento dei tabacchi nazionali; chi avrà raggiunto i 42 anni di contributi anche se non ha compiuto i 62 anni potrà fare la richiesta per andare in pensione.

Per tutti gli italiani cacciati dalla Libia è stato creato un fondo di 150 milioni di euro che verrà emesso in tre anni, per aiutare gli italiani cacciati da Gheddafi; per chi invece vuole aprire una nuova impresa nel settore del turismo avrà tempo fino alla fine dell’anno non per la concessione di spiagge.

In occasione del terremoto occorso in Emilia nel maggio scorso, sono stati rimandati i pagamenti per le tasse di queste zone fino a novembre di quest’anno; INPDAP e ENPALS sono stati accorpati nella gestione INPS. Si tratta di alcune delle modifiche più importanti apportate al sistema, ma molto ancora potrebbe cambiare nei prossimi mesi visto che sono in cantiere ancora altri provvedimenti.

email

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!