Il Progetto Monti: In Cosa Consiste, Quali Saranno i Tagli?

Categorie: Leggi e Fisco | 04/07/2012

La nostra economia italiana è fatto di moltissime leggi che noi molto spesso nemmeno conosciamo, così come non riusciamo a capire nemmeno le intenzioni dei nostri politici; il progetto Monti di cui sentiamo parlare molto in questi ultimi giorni come soluzione alla crisi economica non si è capito ancora bene in cosa consista.

Mario Monti 250x149 Il Progetto Monti: In Cosa Consiste, Quali Saranno i Tagli?

Il progetto Monti si è molto evoluto nel corso degli ultimi mesi, si era parlato infatti nei giorni scorsi della possibilità di creare un’autorità in grado di visionare costantemente la spesa pubblica dello Stato garantendone anche la trasparenza; quello della spesa pubblica è sicuramente uno degli aspetti cardine della nostra economia, visto che è una delle voci di spesa maggiore.

Per evitare un nuovo aumento dell’IVA lo Stato ha bisogno di risparmiare e quindi presto farà certamente dei nuovi tagli: il piano chiamato Spending Review che presto potrebbe diventare legge, prevede numerosi tagli in diversi settori; si prevedono molti scioperi e disagi se questo succederà con il rischio che si arrivi addirittura allo sciopero generale.

Ci sarà il blocco degli stipendi per tutti i dipendenti pubblici con conseguenti ferie coatte, ed anche una buona percentuale di riduzione dei permessi sindacali concessi ai lavoratori, il fondo sanitario verrà profondamente ridotto, verranno chiusi tutti i piccoli ospedali e i posti letto saranno molti meno; a rendere poco contenti i cittadini ci sono anche i tagli per scuola ed università.

L’aumento dell’IVA verrà congelato solo per questo 2012 e ci sarà poi nel 2013 anche se in percentuale minore; non si può parlare di operazione di finanza pubblica ma bensì di operazione strutturale che colpisce il funzionamento della nostra economia; i Sindacati sono ovviamente sul piede di guerra almeno finché la situazione ed il progetto non verranno perfettamente definiti.

Il taglio lineare dei dipendenti pubblici del 10% è sicuramente uno degli scogli più alti da superare, al taglio dell’organico ci sarà anche un conseguente taglio a livello di servizi offerti ai cittadini, così come lo è anche il taglio del 20% circa dei dirigenti; anche le industrie sono titubanti sulle decisioni dell’esecutivo per questo vogliono analizzarle approfonditamente prima che diventino legge.

Ci dovrebbe essere in tutto un risparmio di circa 3 miliardi di euro.

email

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!