Istat, Meno Incidenti Stradali Gravi nel 2011

Categorie: News | 24/06/2012

incidenti stradali 150x150 Istat, Meno Incidenti Stradali Gravi nel 2011Stando ai dati raccolti da parte dell’Istat, nel 2011 sarebbero diminuiti gli incidenti con lesioni a persone.
La stima, effettuata per conto di ACI-Istat, pur se come risultati preliminari, segna un -3% rispetto agli anni precedenti: un trend sicuramente positivo che va sottolineato con forza.

Le vittime ammonterebbero ad un totale di 3 mila e 800 persone mentre i feriti sarebbero circa 290 mila. Anche in quest’ultimo caso vi sarebbe stata una diminuzione dei feriti, pari al 3,5%.
Tuttavia, l’indice di mortalità – nonostante una diminuzione – risulta essere ancora troppo elevato, a causa di un calo che non supera l’1,85%.

L’indice di mortalità varia a seconda della localizzazione dei sinistri. Per le autostrade, infatti, è pari a 3,2; 1 per le strade urbane e 4,8 per quelle extraurbane.
Rispetto al numero di decessi su strada, il Libro Bianco dell’Unione Europea aveva fissato la riduzione del totale del 50% entro il 2010, un obiettivo ambizioso, non ancora raggiunto da parte dell’Italia.

In altri Paesi dell’Unione Europea le stime sui tassi di mortalità, calcolati in base al rapporto tra popolazione residente e numero di morti in incidenti stradali, sono alquanto variabili, passando dal 32 del Regno Unito al 109 della Polonia. Per l’Italia, invece, si parla di un tasso di mortalità uguale a 63, effettivamente elevato per il nostro territorio.

Già nel 2010, comunque, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha deciso di proclamare un nuovo Decennio di Iniziative per la Sicurezza Stradale, proprio allo scopo di ridurre ulteriormente il numero di sinistri mortali nel mondo.

email

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!