L’ Ania Avverte, Stop alle Nuove Norme per l’ Intermediazione delle Assicurazioni

Categorie: News | 12/10/2012

ania 150x150 L Ania Avverte, Stop alle Nuove Norme per l Intermediazione delle AssicurazioniSe le novità contenute all’interno del decreto sviluppo sono state considerate immediatamente come uno sviluppo positivo da parte del Sindacato Agenti, lo stesso non si può dire per l’Ania.
L’Associazione Nazionale delle Imprese Assicuratrici, infatti, ha già criticato in modo sistematico le nuove norme istituite per la distribuzione delle polizze assicurative.

Secondo l’Ania la libertà di collaborazione tra tutti gli intermediari, così com’è prevista dal provvedimento normativo, non porterà alcun miglioramento ai consumatori e, anzi, provocherà un incremento in termini di costi, insieme ad una riduzione della qualità della consulenza.

Quello che si verrebbe a creare, infatti, sarebbe una rete distributiva senza alcuna regola che non rappresenterà un esempio di liberalizzazione quanto di confusione.
Una vera e propria giungla che creerà un aumento dei prezzi sarà il risultato dell’applicazione di tali norme, dal momento che per uno stesso prodotto si dovranno mettere in conto più intermediari, allungando in qualche modo la catena distributiva.

D’altra parte, evidenzia l’Ania, in nessun altro Paese esistono norme paragonabili a questa che si tradurrà in una complicazione per le imprese, fortemente svantaggiate ad operare a livello internazionale.
Infatti, per le compagnie assicurative straniere diventerebbe semplice poter entrare a far parte del mercato italiano senza dover sostenere alcun costo per la creazione della rete distributiva.

Le agenzie assicurative hanno rappresentato un investimento per le compagnie e, come tale, devono essere considerate anche un asset importante per valutare le imprese stesse.
Se si mina a questo sistema si mette in crisi il rapporto fiduciario esistente tra gli agenti e la compagnia e non si favoriranno certo ulteriori investimenti da parte delle imprese, creando problematiche nuove ad un intero settore.

email

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!