L’Antitrust Insiste con il Plurimandato per gli Agenti Assicurativi

Categorie: News | 08/10/2012

agenti assicurativi 150x150 L’Antitrust Insiste con il Plurimandato per gli Agenti Assicurativi Il governo Monti ha fatto molto in termini di liberalizzazioni ma ancora tanto altro resta da sistemare, visto che in diverse occasioni si è assistito a più di una frenata a causa delle pressioni provenienti da uno o da un altro gruppo di interesse.

Anche l'Antitrust si dice sostanzialmente d'accordo con questa visione e spera in una maggiore incisività delle misure in esame, specialmente per quanto riguarda il settore assicurativo.
Da questo punto di vista, per esempio, diventa particolarmente utile affrontare ancora una volta il tema del plurimandato per gli agenti assicurativi.

In questo modo, si dovrebbe riuscire a stimolare la competitività tra le compagnie d'assicurazione sebbene si renderà necessario operare per rimuovere gli ostacoli che si frappongono per la piena realizzazione del progetto.

Più reti distributive in concorrenza le une con le altre e più facilità nel confronto tra le tariffe, come già accade per le rc auto sono due delle principali soluzioni individuate per far fronte all'annoso problema dei costi delle polizze assicurative, come già sottolineato dall'art. 34 d.l. n. 1/2012.

Per poter operare in modo convincente, tuttavia, occorre essere maggiormente efficaci nell'evitare che il plurimandato resti solo su carta, senza che vi sia alcuna reale applicazione nel lavoro quotidiano, a causa di impedimenti di varia natura che rendono tale obbligo, di fatto, impraticabile per clausole vessatorie nei confronti degli agenti assicurativi in primo luogo.

In ultima analisi, quindi, per favorire l'applicazione delle norme di legge, si dovrebbe provvedere a vietare le clausole che ostacolano gli agenti, lasciando a questi ultimi la possibilità di presentare quante più alternative contrattuali ritengono necessari per svolgere efficacemente il proprio lavoro.

jfdghjhthit45
email

Comments are closed.