Le Mutue Assicuratrici, un’ altra Realtà Italiana

Categorie: Leggi e Fisco | 18/02/2012

mutue assicuratrici 150x150 Le Mutue Assicuratrici, un altra Realtà ItalianaLe mutue assicuratrici, note anche come società di mutua assicurazione, sono di fatto delle cooperative che operano, in Italia, nel settore assicurativo.
Ciò che è particolarmente interessante è che si diventa soci di queste organizzazioni in modo piuttosto semplice. Infatti, a parte la figura a se stante dei soci sovventori, l’essere socio è legato soltanto all’acquisizione di una polizza assicurativa.

Lo status, di contro, si perderà in seguito all’estinzione della polizza assicurativa stessa, così come previsto da parte del codice civile all’art. 2546.
I soci, dunque anche assicurati, sono sempre tenuti al pagamento di contributi fissi o variabili, a seconda di quanto previsto dall’atto costitutivo. Le mutue assicurazioni sono comunque soggette a delle specifiche autorizzazioni e a tutti i controlli che la legge stabilisce vengano effettuati per esercitare in questo settore.


Per essere nominati amministratori, invece, si dovrà avere la qualifica di soci sovventori e si dovrà essere eletti da parte degli altri soci sovventori, sebbene la maggioranza debba essere comunque costituita da soci assicurati.
Un socio sovventore rimane tale fino a quando provvede a finanziare la mutua assicuratrice, in modo del tutto slegato dall’acquisizione o meno di un contratto assicurativo.

In Europa le mutue assicuratrici cominciano a conoscere una significativa diffusione sul mercato, visto che su 100 compagnie ben 45 possano essere ormai riconducibili a tale matrice.
Spesso le mutue assicuratrici nascono per tutelare un settore specifico, magari considerato più debole, ma non è necessario che si verifichi ciò, dal momento che qualunque consumatore potrà poi rivolgersi ad esse per trovare soddisfazione ai propri bisogni assicurativi.

Tra le compagnie nostrane che si caratterizzano per questa particolare conformazione si distingue, senza dubbio, la Reale Mutua.
La Reale Mutua non è a scopo di lucro, il che significa che gli utili vengono tutti redistribuiti tra i soci, ovvero tra gli assicurati stessi.
È naturale che la redistribuzione non avviene tramite denaro contante ma attraverso una revisione delle condizioni assicurative e, quindi, dei premi da corrispondere.
Questo significa che un maggiore guadagno per la mutua sarà uguale ad un costo minore per ciascun socio.

Nel caso di una mutua assicuratrice i premi pagati dai soci vengono detti conferimenti, ma i conferimenti non sono l’unico modo con cui la cooperativa rimane in piedi. Infatti, grazie alla presenza dei soci sovventori, potrà costituirsi un fondo di garanzia per consentire il pagamento degli indennizzi, nel caso in cui – si tratta ovviamente di un caso limite- non dovesse esserci sufficiente patrimonio sociale per risarcire i danni degli assicurati.

email

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!