Legge di Stabilità 2013: A che Punto Siamo?

Categorie: Leggi e Fisco | 29/10/2012

La legge di stabilità racchiude in sè una serie di provvedimenti che almeno in parte dovrebbero migliorare il destino della nostra economia, una legge che ancora non è divenuta definitiva ma che ha già fatto discutere buona parte del mondo politico per il suo contenuto.

legge stabilità Legge di Stabilità 2013: A che Punto Siamo?

La legge di stabilità può avere certamente sia aspetti positivi che negativi ma a che punto si è realmente arrivati nella sua stesura ed approvazione? Ciò che è certo è che ci sono degli argomenti molto importanti della nostra economia per cui ancora non si è trovata una soluzione.

Punto primo, la maggioranza sembrerebbe proprio essere contraria senza riserva, al fatto di applicare i tagli alla dichiarazione dei redditi; per quanto riguarda invece l’aumento dell’IVA che ha fatto davvero discutere, si sta cercando di evitarla nella maniera più assoluta per cercare di non pesare su chi percepisce ad esempio una pensione minima.

Il discorso degli esodati però è certamente quello più complesso e difficile da risolvere, così come la tassa sui ricchi e sulle sigarette non è gradita a nessun esponente delle autorità della nostra economia; bocciature anche per l’emendamento che doveva oscurare vie e piazze per lasciare spazio al risparmio energetico, ciò che si può fare invece è usare di tecnologie di ultima generazione per risparmiare sull’illuminazione.

L’aumento delle tasse invece peserebbe ulteriormente sul bilancio delle famiglie italiane già disastrato, solo chi dichiara 15.000 euro potrebbe risentire meno dell’incrociarsi dei vari aumenti e delle detrazioni.

Le categorie a cui va decisamente peggio già adesso e a cui potrebbe andare ancora peggio con l’entrata in vigore della legge di stabilità sono le coppie dove entrambi lavorano e dichiarano 55.000 euro che si trovano a pagare 500 euro in più, oppure la coppia di pensionati che dichiara 35.000 e si trova a sborsarne 300 in più.

I liberi professionisti sono tra le categorie di lavoratori più penalizzati dal punto di vista delle tasse; dando un’occhiata rapida a tutti questi dati ci si rende subito conto che sembra quasi si debba cominciare tutto da capo per far approvare una buona legge di stabilità.

Riusciranno davvero a portare un buon progetto all’approvazione?

email

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!