Munich Re: Nord America e Catastrofi Naturali, Pericoli in Aumento

Categorie: News | 01/11/2012

catastrofi naturali 150x150 Munich Re: Nord America e Catastrofi Naturali, Pericoli in AumentoSecondo quanto riportato da uno studio effettuato da Munich Re, le catastrofi naturali colpiscono in modo sempre più rilevante il Nord America, almeno per quanto riguarda gli ultimi trenta anni.

Il periodo preso in esame è stato, nel dettaglio, quello dal 1980 al 2011: durante tale lasso temporale il costo dei danni complessivi dovuti alle catastrofi ambientali è stato pari a 1060 miliardi di dollari. 30 mila persone hanno perso la vita e solo 510 miliardi di dollari risultavano essere i danni assicurati.
L'evento più dannoso, com'è facile intuire, è stato l'uragano Katrina nel 2005. Sia in termini economici che di vite umane, Katrina ha rappresentato il principale catalizzatore di perdite per gli Usa nel periodo analizzato da Munich Re.

Per effettuare questo studio si è provveduto ad utilizzare il data base NatCatSERVICE, il più dettagliato in materia con oltre 30 mila registrazioni di danni dovuti a catastrofi climatiche.

Purtroppo bisogna anche sottolineare che il Nord America è soggetto, per la particolare posizione geografica, a cicloni, temporali, tornado, siccità, inondazioni, uragani. Secondo alcuni studiosi ciò sarebbe dovuto anche all'assenza di una catena montuosa che, da ovest ad est, sia in grado di attraversare il continente e separare l'aria fredda da quella calda.
Inoltre, il cambiamento climatico produce effetti più difficili da arginare in Nord America, dal momento che sono notevolmente aumentate le ondate di calore e i cicloni tropicali che si abbattono sull'area, seguiti invariabilmente da lunghi periodi di siccità.

Ad ogni modo bisogna sottolineare che le perdite maggiori sono da mettere in relazione anche ai fattori socio-economici, come l'aumento della popolazione e l'espansione urbana in determinate zone, magari prima considerate depresse.

jfdghjhthit45
email

Comments are closed.