Rca ed Eventi Naturali, Coperture ancora poco Diffuse in Italia

Categorie: Assicurazione Auto, News | 22/06/2012

rca 150x150 Rca ed Eventi Naturali, Coperture ancora poco Diffuse in ItaliaIl clima cambia e, anche per questo, dovremmo essere pronti a prendere in considerazione ciò che tali mutamenti possono provocare in quanto a sicurezza, soprattutto al volante.

In aggiunta a ciò, non si può dimenticare che, oltre al rischio, aumenta anche la possibilità di conseguenze per il veicolo, raramente assicurato a dovere contro gli eventi naturali.
Secondo alcuni dati, in effetti, soltanto il 12% dei guidatori, al momento del rinnovo della rc auto, sceglie di dotarsi anche di una polizza assicurativa che includa la protezione contro gli eventi naturali.

Sembrerebbe quasi, quindi, che gli italiani non siano minimamente preoccupati di ciò che può accadere ad un veicolo esposto alle intemperie, come neve, grandine, pioggia battente, ragion per cui non varrebbe la pena spendere di più per un prodotto aggiuntivo rispetto alla rc di base.

Tuttavia, in molti casi, basterebbe spendere appena 40 centesimi in più al giorno per non doversi preoccupare più di nulla, quali che siano i cambiamenti del meteo.
In molte occasioni, in realtà, la principale preoccupazione dell’utente risiede nel mantenere basso il costo dell’assicurazione, non importa quello a cui si deve, eventualmente, rinunciare.

L’analisi è stata condotta su un campione molto ampio, composto da 40 mila polizze assicurative e, oltre ai dati fin qui illustrati, ha permesso di fare il punto su ulteriori aspetti legati alla scelta del prodotto assicurativo da parte degli italiani.
Ad esempio, le donne sembrano essere più attente e previdenti degli uomini, tant’è che in numero maggiore, rispetto agli uomini, decidono di acquistare anche assicurazioni aggiuntive a quella base.

Infine, importanti anche le differenze su base regionale: nel Nord Italia le assicurazioni eventi naturali godono di maggiore fortuna rispetto al Sud, probabilmente a causa di condizioni meteo più estreme con cui confrontarsi.

email

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!