Solvency II e la Crescita di Rischio degli Investimenti

Categorie: News | 06/07/2012

solvency II 150x150 Solvency II e la Crescita di Rischio degli Investimenti Molto probabilmente Solvency II avrà un effetto collaterale oltre a quelli già previsti: infatti, ad una prima analisi, sembrerebbe che gli assicuratori verranno spinti verso investimenti più rischiosi di quelli ai quali hanno rivolto la propria attenzione in precedenza.

Naturalmente, non è possibile imputare tale effetto soltanto all’entrata in vigore di Solvency II, entrata in vigore prevista per il 1° gennaio 2014, ma anche alla crisi del debito che ha colpito i Paesi europei.

Le novità introdotte dalle nuove normative sono senza alcun dubbio di ampia e significativa portata, tanto che la tematica tiene banco tra tutte le compagnie di assicurazione europee.
Come le società sanno da tempo, è necessario ripensare alle modalità con cui sono stati effettuati gli investimenti o sarà davvero molto difficile riuscire ad ottemperare a tutti i requisiti previsti da Solvency II.

Ecco, quindi, che il cambio di passo provocherà, verosimilmente, anche un incremento del rischio negli investimenti poiché, per le compagnie assicurative, sarà d’obbligo bilanciare il portafoglio e tentare un bilanciamento degli asset class con rendimenti più elevati.

Si tratta, inoltre, di una necessità alla quale non ci si può sottrarre soprattutto nel contesto attuale, visto che le condizioni di mercato – piuttosto critiche – rendono molto attraenti i rendimenti più stabili.

In aggiunta a tutto ciò, il via libera a Solvency II coinciderà anche con una fase di cambiamenti per il mercato dei derivati che saranno finalmente soggetti a un complesso quadro regolamentare nuovo di zecca.
Una soluzione individuata consisterà nell’appoggiarsi ad un partner qualificato per gli investimenti tuttavia, la strada per una totale riqualificazione strategica è ancora lunga nonostante il tempo stringa.

email

Lascia un Commento Fatti sentire e scrivi la tua!